Uncategorized

Ipocrisia di Stato

La decisione del governo Gentiloni di difendere il reato di “aiuto al suicidio”, contro Marco Cappato che aveva accompagnato DJ Fabo in Svizzera, è un atto ipocrita, soprattutto alla luce dell’introduzione della legge sul fine vita.
Il segno, purtroppo, è quello della doppia morale tipica di una certa politica di questo paese.
Avrebbero dovuto rispettare la volontà di Fabo e invece incrociano una battaglia legale contro Cappato, che ha tanto il sapore della battaglia sulla pelle di chi non c’è più, come Fabo, e della sua volontà di una fine dignitosa.

Uncategorized

Porto di Livorno. La guerra nel mondo del lavoro

Due operai morti al porto di Livorno e feriti gravi, per effetto dell’esplosione di una cisterna.
Prosegue con numeri incredibili una vera e propria guerra nel mondo del lavoro in Italia, che continua a vedere morti e infortuni in aumento. Solo lo scorso anno oltre 1.400, ma questa guerra non è stata materia di campagna elettorale, eppure ha a che fare con le scelte scellerate della politica.

Non conosciamo ancora le cause certe del disastro e mi auguro che si accertino quanto prima le responsabilità, ma c’è un punto che riguarda non solo la sicurezza dei lavoratori, ma anche la sicurezza di una intera area della città di Livorno: il porto è pieno di cisterne, in una zona in cui ci sono altre attività, in cui vicino c’è una raffineria e che è zona di passaggio persino per semplici cittadini.

Sarebbe il caso di iniziare a lavorare per una delocalizzazione degli impianti e per una maggiore sicurezza. L’esplosione di oggi è un brutto segnale che va colto.
Alle famiglie dei lavoratori, alla città di Livorno, l’abbraccio di tutta la nostra comunità.

Uncategorized

Straordinaria risposta dei giovani americani contro armi

Piu’ di mezzo milione di giovani sabato hanno manifestato  a Washington ha contro le armi, e centinaia di migliaia di altri ragazzi e ragazze hanno invaso tutte le citta’ degli Stati Uniti. Dopo l’ultima strage di San Valentino in una scuola americana, i giovani americani dicono basta alle armi e si preparano probabilmente a scrivere un pezzo di storia del loro Paese.
Il messaggio arrivi forte e chiaro agli sceriffi italici che propongono massima diffusione di armi e altre stupidaggini simili, sulla scia del modello americano.

Il futuro e i piu’ giovani, per fortuna, sono con chi la pensa diversamente.

Uncategorized

Caso Cambridge Analytica allarmante. Serve subito commissione d’inchiesta

Il caso di Cambridge Analytica è allarmante. E non solo per una questione di privacy degli utenti dei social network. La possibilità di profilare in profondità gli utenti e di intervenire durante le campagne elettorali sulla formazione delle opinioni dei cittadini, attraverso profili falsi, agenzie false, notizie false, create ad arte per indirizzare un racconto, mette in crisi il sistema stesso della democrazia. Sostituiamo la democrazia con un meccanismo per cui comandano delle agenzie di manipolazione delle informazioni, che possono stabilire chi vince e chi perde, chi finanziare e chi no? Quanto costa rivolgersi a società di questo tipo? Chi può permettersi in politica un investimento di questo tipo?.

Pare che Cambridge Analytica abbia lavorato anche per qualche partito in Italia, su cui ad oggi c’è uno strettissimo silenzio. Io penso sia il caso che il Parlamento italiano si occupi del caso, con una apposita commissione d’inchiesta, per tutelare la privacy dei cittadini italiani, per scoprire la verità e per sapere quale utilizzo Facebook Italia fa delle informazioni di milioni di utenti. I cittadini italiani devono sapere quale partito si è rivolto a questa società e quali fesserie sono state costruite per agevolarne la crescita elettorale.